Facebook afferma che tutti i tuoi post NON saranno resi pubblici 'domani'

Ti ritrovi ancora a fare il check-in con Facebook ogni giorno? Anche dopo che tutti i problemi di privacy che sono stati scoperti?

Tra lo scandalo Cambridge Analytica e il fatto che 50 milioni di account siano stati rilevati di recente da hacker, potresti voler ripensare la tua posizione.

Ma se insisti a rimanere con Facebook, c'è un post che diventa virale e devi stare attento.




asia kate dillon prima e dopo

I tuoi post privati ​​su Facebook sono sicuri?

Un messaggio diventato virale su Facebook afferma che i tuoi post privati ​​non sono più sicuri. Ci sono molte prove che la tua privacy non è sicura con Facebook, ma questa affermazione è completamente falsa.



Quello di cui stiamo parlando è un messaggio che sta circolando, sostenendo che tutto ciò che hai mai pubblicato su Facebook è stato reso pubblico ...DOMANI!

Presumibilmente, Facebook ha apportato una modifica alla sua politica sulla privacy e ai vecchi messaggi che sono stati eliminati, alle immagini, anche a quelle che non erano consentite sul sito: nulla è sicuro. Domani sarà tutto pubblico.

Ti invitiamo quindi a copiare e incollare l'avviso nella sequenza temporale. Questo perché contiene questa affermazione:

“Non autorizzo Facebook o altre entità associate a Facebook a utilizzare le mie foto, informazioni, messaggi o post, sia passati che futuri. Con questa dichiarazione, do atto a Facebook che è severamente vietato divulgare, copiare, distribuire o intraprendere qualsiasi altra azione contro di me sulla base di questo profilo e / o dei suoi contenuti. '

Ma non cadere per niente, è solo una bufala.

Esistono un paio di versioni diverse del messaggio in giro, ma tutte fanno lo stesso punto, che le tue informazioni saranno rese pubbliche domani. Ecco un esempio che abbiamo trovato:


messaggi di gruppo spam



Perché sta succedendo?

Per qualunque motivo, qualcuno deve aver pensato che sarebbe stato divertente vedere quante persone avrebbero potuto ingannare nel ripubblicare questo messaggio. Sfortunatamente, ha funzionato e tonnellate di persone lo stanno rendendo virale.

In realtà, le versioni del messaggio sono in circolazione da anni e fanno scoppiare le loro brutte teste ogni tanto per ingannare più persone. Parte del messaggio originale risale al 2012, quando Facebook è diventata una società quotata in borsa e ha avuto la sua IPO.

All'epoca, Mark Zuckerberg ha rilasciato la seguente dichiarazione al riguardo:

'Si diffonde la voce che Facebook stia apportando una modifica relativa alla proprietà delle informazioni degli utenti o al contenuto che pubblicano sul sito. Questo è falso Chiunque utilizzi Facebook possiede e controlla i contenuti e le informazioni che pubblicano, come indicato nei nostri termini.

'Controllano come vengono condivisi tali contenuti e informazioni. Questa è la nostra politica, ed è sempre stata. '

Qualcos'altro a cui pensare è quanto sarebbe realistico applicare un'azione legale semplicemente pubblicando una dichiarazione su Facebook. Il buon senso dovrebbe aiutare le persone a capire che è ridicolo.


medicaid paga il trasporto agli appuntamenti dal medico?

Non essere quella persona per mantenere una bufala come questa. E non dimenticare di condividere questa storia con i tuoi amici e familiari in modo che sappiano che le loro informazioni sono al sicuro. Almeno per ora.



Bonus: podcast gratuito di Kim sullo scandalo della privacy di Facebook

Se hai bisogno di un aggiornamento su come il crescente scandalo sulla privacy di Facebook ti influenza, dai un'occhiata al nostro podcast di Komando on Demand.

Tocca o fai clic in basso per ascoltare questo podcast gratuito di Komando on Demand!

Lo scandalo di Facebook peggiora man mano che emergono maggiori dettagli su come ti hanno rintracciato come mai prima. Nel suo podcast, Kim parla con alcuni dei principali avvocati della tecnologia e della violazione dei dati, John Yanchunis e Steven Teppler, di ciò che è in serbo per Facebook e anche di ciò che possiamo fare per proteggerci in questa epoca di privacy in diminuzione.

È diventato chiaro che le tue informazioni sono la valuta del 21 ° secolo. Abbiamo perso la fiducia in Facebook?